Archivi tag: Spettacolo

VASCO e“COLPA D’ALFREDO” a 40 anni dalla pubblicazione

DAL 27 NOVEMBRE IL COFANETTO DEL 3° ALBUM DI VASCO ROSSI
CON L’AUDIO RIMASTERIZZATO PER LA PRIMA VOLTA CON LA COPERTINA
PROGETTATA E VOLUTA (ALLORA) DA VASCO.

“COLPA D’ALFREDO – R>PLAY Edition 40th”, in uscita il 27 novembre, è disponibile in preorder da oggi, giovedì 6 agosto, al link:

https://smi.lnk.to/VASCOROSSI_COLPADALFREDO

Sulla pagina ufficiale facebook di Vasco Rossi viene presentatata cosi l’uscita del brano:


“Tra gli anni Settanta e Ottanta, in Italia, il rock – tranne qualche rarissima eccezione – era soltanto americano o inglese. Nessuno credeva sarebbe mai potuto diventare anche italiano, perché si riteneva che la lingua italiana fosse “strutturalmente incompatibile” con il rock. Dopo due anni di sperimentazione artistica e dopo due dischi ancora sospesi tra accenni “rockettari” e musica leggera, Vasco Rossi invece capì che, malgrado l’opinione contraria allora dominante, fare rock in Italia e con testi in italiano non solo sarebbe stato possibile, ma sarebbe venuto anche bene. E lo avrebbe dimostrato a tutti. Iniziò a farlo sul serio proprio nel 1980 con “Colpa D’Alfredo”, il suo terzo album registrato in studio: il primo vero disco rock di Vasco e anche il primo nella storia della canzone italiana. Osteggiato dalle politiche censorie delle emittenti pubbliche, sia televisive che radiofoniche, per l’eccessiva crudezza dei testi e per l’approccio a dir poco “politicamente scorretto” di ogni singola canzone del disco, “Colpa D’Alfredo” non ebbe certo “vita facile”. D’altro canto, se la musica o la vita di Vasco fossero mai state facili…”

https://wetransfer.com/downloads/3f9266c5c203fe2c0b383e4f473b992c20200806064038/cc3461


In una confezione tutta nuova, sarà presentata, finalmente e per la prima volta, la copertina come era stata progettata e voluta allora da Vasco: il suo primo piano con l’occhio nero e il volto tumefatto, truccato come se fosse stato pestato. Nel disco originale, per un colpo di mano dell’ultimo momento del discografico, la foto era stata utilizzata come retro e in copertina uno scatto dello stesso servizio, ma di spalle.


“COLPA D’ALFREDO – R>PLAY Edition 40th” è un preziosissimo COFANETTO DELUXE da collezione, in edizione limitata numerata, che includerà l’LP, il 45 giri “Non l’hai mica capito/Asilo Republic”, il CD e la musicassetta, tutti con l’audio rimasterizzato da Maurizio Biancani a 24bit/192Khz, la migliore definizione attualmente possibile, partendo dei nastri master analogici di studio.
Inoltre, “COLPA D’ALFREDO – R>PLAY Edition 40th” conterrà un libro cartonato, scritto dal giornalista e critico musicale Marco Mangiarotti, con i racconti dello stesso Vasco e le testimonianze dei musicisti che hanno partecipato alla realizzazione dell’album, con molte foto e contenuti inediti ed esclusivi. Come ormai da tradizione della collezione, ci sarà anche un gadget che riproduce una parte della copertina (stavolta si tratta della maschera di cartone del viso di Vasco con l’occhio nero).


Tutte le grafiche e le parti del cofanetto sono state restaurate digitalmente e riproducono fedelmente quelle originali della prima pubblicazione nel 1980.
La grande novità di quest’anno è il video in animazione di “Anima fragile”, un vero cortometraggio per celebrare una delle canzoni più amate di Vasco che sarà pubblicato in autunno. Ai tempi della pubblicazione dell’album “Colpa d’Alfredo”, non era stato realizzato alcun videoclip.
Il lavoro è scritto e diretto da Arturo Bertusi, disegnato da Rosanna Mezzanotte e prodotto da Chiaroscuro Creative, che ha curato la progettazione e la grafica del cofanetto e che da tanti anni si occupa dei progetti editoriali e dell’immagine di Vasco.

“The Lion King: The Gift”…Torna BEYONCÉ

Beyoncè torna con “The Lion King: The Gift (Deluxe Edition)”

colonna sonora del nuovo visual album “Black Is King”

“The Lion King: The Gift (Deluxe Edition)”, colonna sonora del visual album “Black Is King”, è composto dai 14 brani dell’album “The Lion King: The Gift”, pubblicato lo scorso anno, e due bonus tracks: “BLACK PARADE” (pubblicato a giugno) e il remix del brano “FIND YOUR WAY BACK”.

“Black is King”esce ad un anno dal debutto cinematografico del fenomeno globale Disney, “Il Re Leone”, e contiene i videoclip dei brani “Brown Skin Girl”, “Mood 4 Eva” e “My Power”. La produzione del visual album, durata un anno, si avvale di un variegato team creativo che vede i registi Emmanuel Adjei (“Shahmaran”), Blitz Bazawule (“The Burial of Kojo”), Pierre Debusschere (che ha diretto i video di Beyoncé “Mine” e “Ghost”), Jenn Nkiru (“BLACK TO TECHNO”), Ibra Ake (direttore creativo e produttore del video “This is America” di Childish Gambino), Dikayl Rimmasch (“CACHAO, UNO MAS”), Jake Nava (che ha diretto i video “Crazy in Love”, “Single Ladies”, “Partition” di Beyoncé) e Kwasi Fordjour, l’aiuto regista e da tempo collaboratore dell’artista.

Nel visual album compaiono diversi personaggi del mondo dello spettacolo tra cui le modelle Aweng Ade-Chuol e Adut Akech, la top model Naomi Campbell, la madre di Beyoncé Tina Knowles-Lawson, l’autrice e attrice vincitrice di un Premio Oscar Lupita Nyong’o e i cantanti Kelly Rowland, Pharrell Williams e JAY-Z. Insieme a loro ci sono anche molti artisti che hanno collaborato all’album “The Lion King: The Gift”. Girato in diverse location, la fotografia del visual album cattura la bellezza delle persone e dei paesaggi attraverso i continenti, da New York a Los Angeles, al Sud Africa, all’Africa Occidentale, fino a Londra e al Belgio. Lo straordinario cast di attori e ballerini è originario di tutti questi luoghi e ha influenzato il ricco quadro del visual album e la vibrante coreografia.

Questa la tracklist dell’album: “BIGGER”, “FIND YOUR WAY BACK”, “DON’T JEALOUS ME”, “JA ARA E”, “NILE”, “MOOD 4 EVA”, “WATER”, “BROWN SKIN GIRL”, “KEYS TO THE KINGDOM”, “ALREADY”, “OTHERSIDE”, “MY POWER”, “SCAR”, “SPIRIT” (From Disney’s “The Lion King”) e le bonus tracks “BLACK PARADE” e “FIND YOUR WAY BACK (Remix)”.

Renzo Arbore festeggia i 50 anni di “Alto Gradimento”

Cinquant’anni fa, era esattamente il 7 luglio del 1970, debuttava in radio AltoGradimento, la trasmissione cult che ha cambiato la storia dello spettacolo italiano.Era un format brillante, nuovo e fresco che mescolava chiacchiere in libertà,canzoni e incursioni di personaggi paradossali ed esilaranti, in un’atmosfera digrande allegria.

Renzo Arbore ricorda cosi la nascita della trasmissione:

«Io e Gianni Boncompagni, insieme a Mario Marenco e Giorgio Bracardi, abbiamorinnovato una radiofonia che in quel periodo sembrava destinata a essere prevaricatadalla tv.

A maggio di 50 anni fa salutammo per sempre Bandiera gialla, programma con cui dimostrammo che la radio poteva continuare a essere la beniamina dei giovani. Ma con Alto gradimento l’operazione di rinnovamento fu ancora più importante perché fece capire che la radiofonia era e restava il media più veloce, versatile e virale».

Dj Elena Tanz distrugge il Covid-19 con la sua nuova Fast Track

E’ uscita in questo periodo la 26^ Fast Track 2020 della Dj dance Elena Tanz.

Se è vero che il Covid-19 ha quasi ucciso la musica dal vivo, è anche vero che la musica non solo ha vinto la sua battaglia aumentando la sua trasmissione radiofonica come non mai, ma riparte alla grande grazie ai cantanti che ora iniziano i loro live a distanza o a Dj come Elena Tanz, che oggi ci fa rinascere con la sua Tracklist.

E’ meraviglia unica ripartire con la dance dopo mesi di fermo. Energia pura, che rivitalizza la voglia di ripartire. I nostri mix preferiti, assieme ad un bel caffè virtuale o a un aperitivo online sono la cosa migliore che poteva succedere ora.

Qui non parliamo di musica dance, ma di emozione suonata e ballata, grazie anche all’intoduzione della voce della Dj.

Vivere oggi, ripartendo anche dalla spinta della migliore dance.

Elena Tanz, Dj, musicista, produttrice e CEO della Label Epoque, la sua etichetta indipendente che si occupa di musica, spettacoli e contenuti multimediali.

Nata a udine ha vissuto in mezzo alla musica fin da bambina. Come dice lei”…alla Musica” in maiuscolo.

Il padre, nella seconda metà degli anni 80, assieme ad un socio, aveva dato vita alla radio privata Rete Nord Est e proprio da lì Elena inizia a legarsi ai vinili.

Unica ragazza Dj in Friuli, in quei tempi, Elena diventa Dj resident della regione. Nel 2004 conosce Gigi D’Agostino con cui inizia a collaborare.

Nel 2017 Elena Tanz dà vita alla sua etichetta indipendente Label Epoque, con la quale produce la sua musica, gli spettacoli ed i contenuti multimediali che pubblica sui suoi canali.

“T’amerei uguale”, il nuovo singolo di Zoizi

Arriva “T’AMEREI UGUALE” (EVE), nuovo inedito del cantautore JODY ZOJZI, in arte ZOIZI.

Una canzone da ascoltare camminando a piedi nudi sulla spiaggia: “T’AMEREI UGUALE” è il titolo del nuovo singolo di ZOIZI, ed è una canzone che si fa fotografia di momenti di libertà e di gioia condivisa con la persona amata, attimi semplici e bellissimi come il mare.

Così Zoizi racconta la genesi decisamente romantica del suo nuovo brano:

«Durante un viaggio di ritorno da Milano verso Modena, ricordo che un tizio seduto vicino a me non ha smesso un secondo di urlare al telefono lamentandosi di non avere campo. Ho pensato “Metti giù, no?”. Io avrei fatto così. Pioveva forte e, non so perché, ho cominciato a scrivere una canzone che parlasse di mare. E poi durante il viaggio è uscito un sole pazzesco. Le cose semplici sono le più vere. Sono nostre. Sono quelle che raccontano di noi. Ecco, ho scritto “T’ amerei uguale” pensando alla semplicità di un momento che sa di mare».

Biografia

Jody Zojzi, in arte Zoizi, è un cantautore classe ‘90 che nasce a Tirana e viene adottato dopo un anno di vita da mamma Italia. Tanti traslochi con la sua famiglia in giro per il nord, per poi finire a Modena nel 2000. Lì nasce e cresce la sua passione musicale che culmina a 13 anni grazie alla chitarra di suo padre. A 15 anni studia batteria e suona in qualche rock band locale che portano l’ artista ad avvicinarsi alla scrittura dei suoi primi brani inediti. Nel 2019 pubblica il suo singolo d’ esordio: “PAZZO DI TE”. Nello stesso anno apre cinque concerti del tour di Francesco Renga. Lo scorso gennaio è uscito sulle piattaforme digitali il suo secondo inedito “ODORE” (EVE). Agli inizi di maggio pubblica il singolo “BENZINA AL CUORE” (EVE). Dal 26 giugno è disponibile sui digital stores e in rotazione radiofonica il nuovo brano di Zoizi dal titolo “T’ AMEREI UGUALE” (EVE).

NEK:”Sulle corde della chitarra”

Quest’estate, NEK Filippo Neviani torna a suonare dal vivo. Saranno poche date speciali, che lo vedranno sul palco da solo, chitarra e voce, per provare a lanciare un piccolo messaggio di ripartenza per il settore della musica in difficoltà a cui, anche grazie a questi concerti, arriveranno alcuni sostegni concreti.

“SOLO: CHITARRA E VOCE”: è questo il nome di questi concerti, in cui Nek sarà da solo con il suo pubblico e il suono delle corde del suo strumento, in una dimensione intima ed essenziale.

I compensi dell’Artista di queste date verranno infatti devoluti al fondo per i lavoratori dello spettacolo di MUSIC INNOVATION HUB, un’impresa Sociale che ha lo scopo di supportare musicisti e professionisti del settore musicale in questo momento di crisi globale.

Così Nek ha annunciato queste date attraverso un post sui social:

«Quest’estate dovevo fare un tour vero e proprio, ma abbiamo dovuto rimandare tutto, non c’era altra via.Mi sono poi arrivate alcune proposte per suonare, naturalmente in condizioni diverse, e mi sono detto: “perché no?”.

Ho voluto coinvolgere Music Innovation Hub, una realtà che sta dando sostegno ai professionisti del mondo della musica attraverso un fondo dedicato, a cui darò anch’io un mio contributo, con i miei compensi di queste date.Non sarà un tour, saranno poche occasioni speciali che mi faranno vivere il palcoscenico in una dimensione intima, semplice, essenziale.

Niente band, niente scenografie.Vi guarderò negli occhi solo io con la mia chitarra.Non a caso, questi appuntamenti, ho deciso di chiamarli “Solo: chitarra e voce”.Non è facile oggi mettere in piedi dei concerti, e infatti resteranno pochi eventi, ma dove c’è la possibilità, io vado.Oggi, poter dire di tornare a suonare sul palco per me è bellissimo. Ci vediamo in giro, se vorrete».

ph Andrea Brusa

Arriva in radio “SSSHH!!!”, il nuovo singolo di Nek estratto dal disco di inediti “IL MIO GIOCO PREFERITO – parte seconda” (distribuito da Warner Music Italy), scritto da Nek, Andrea Bonomo e Luca Chiaravalli, e prodotto da Nek e Float.

Sui suoi social Nek lo ha presentato così: «Ssshh!!! è una canzone che racconta del nostro tempo, quello delle parole, a volte troppe, a volte affilate come lame, che spesso dovrebbero lasciare spazio al silenzio e al contatto umano».

Lo “Stato di Natura” di Francesca Michielin e i Maneskin

“Stato di Natura”, la riuscita di un esperimento Forte, unico. Rap femminile potente e fluido. Tutt’altra cosa dei soliti rap commerciali e troppo veloci rispetto al suono che li accompagnano. Francesca Michielin mi accende un fuoco interno, come se sentissi per la prima volta una forza musicale cosi potente.

Francesca Michielin abbraccia i Maneskin e ne esce una stretta forte e bellissima.

Un bum bum vocale con cui Francesca Michielin ti schiaccia contro il muro. Un ritornello gridato che fa sentire il “vile” come un verme schiacciato.

Una lotta di decenni racchiusa con maestria in poco più di due minuti, si, perchè qui non è solo alzare la voce, qui è cantarvela.

Un brano bellissimo, da cantare e ballare, seguendo senza problemi il tutto. Musica, testo. Un progetto nuovo riuscito benissimo, perchè non sono solo urla, ma un liberare il pensiero delle persone, degli ascoltatori.

Francesca Michielin ha rincorso e voluto fortemente la collaborazione con i Maneskin sia per donare una sonorità “rock” al brano, ma anche per rendere più forte il suo significato. Francesca lancia un forte messaggio contro la violenza verbale (presente nella quotidianità dei nostri tempi) sulle donne e non solo.

Francesca rivela:“I Maneskin hanno fornito un punto di vista diverso nel testo, quello maschile del quale avevo bisogno per questo brano”

Tavo e la sua “Annabelle”-Recensione

Tavo è sicuramente un ritmo che si distingue dal resto della musica italiana. Senza offesa per i grandi, ma potrebbe inseguire la strada di Franco Battiato, cioè un artista che non copia qualcuno o assomiglia a qualcuno, ma segue la sua strada ed è una bella strada piena di melodia e sentimento.

“Annabelle” è un pezzo da cantare col cuore ed urlare con con tutta la voglia di seguire la sua musica. Un brano che non può non smuovere nemmeno l’ascoltatore più immobile…no…”Annabelle” si fa ascoltare, cantare, ballare. Un pezzo che nell’era moderna in cui la musica italiana ha perso molto ha un valore importante: confermare che la stessa musica italiana, quella bella, c’è ancora.

Questo il commento dell’artista:”Il brano è spirato da una lettera del 1800 trovata nella mia vecchia casa.Leggendo tutta la lettera sono venuto a conoscenza di una storia d’amore che poi ho romanzato. Seppure scritta quasi duecento anni fa, tra le righe ho trovato, sentimenti, paure e volontà molto attuali. Tutti vogliamo tornare indietro per cancellare un errore commesso nel passato convinti di avere sempre tempo. Ma il tempo non è mai generoso. Mi è sembrato bello poter ridare voce a due persone ormai dimenticate che come tutti noi hanno amato, sognato e sperato“.

Francesco Taverna, in arte  TAVO, è un cantautore alessandrino classe ‘93 che figura tra gli artisti emergenti del panorama indie pop italiano. Dopo il suo primo concerto, al Circolo Ohibò di Milano, TAVO trova presto spazio su palchi come Rocket club (Linoleum), Spaghetti Unplugged, Le Mura, Tendenze Festival, Radical Sheep Festival, Arezzo Wave e molti altri ottenendo riconoscimenti come Miglior performance live e Roster artista rappresentante Soundreef. Viene definito su riviste di settore (Stormi, RUMORE, ExitWell) come “Uno dei profili più interessanti del panorama indie italiano è con il suo album d’esordio “Funambolo”(Noize Hills Records, 2018), una raccolta di melodie leggere e testi falsamente ironici che dipingono situazioni di vita dall’equilibrio instabile. Il suo ultimo singolo “Annabelle”.

“Davvero” di benedetta Raina-Recensione

Benedetta Raina ci fa ascoltare le sue canzoni con la sua voce particolare, unica, come quella di Francesca Michielin, Annalisa, sonorità personali, che entrano dentro l’asoltartore e si fanno ricordare.

La voce femminile è sempre stata la forza della musica italiana, ma quando la vocalità ha questi suoni particolari, le emozioni del pubblico si esaltano e accompagnano la cantante nel suo viaggio infinito.

“Davvero” è un pezzo con un ritmo da ballare come una trottola su una spiaggia. Bellissima melodia. Ottima per la nostra musica. La colonna sonora in un film in cui i protagonisti giocano assieme. Un vivere la quotidianità, mentre nello stesso istante si stanno formando i passi futuri della vita, del giorno dopo.

E’ in radio e sulle piattaforme digitali “DAVVERO” (Noize Hills Records), il nuovo singolo di BENEDETTA RAINA.

Un invito semplice ma non banale, un invito a capirsi e ad accettarsi, a prendere la vita alla giornata e a dimenticarsi un po’ di tutto. “Davvero” parla di questo e per questo. Con un ascolto più attento si coglie l’intenzione da parte dell’artista di comunicare una realtà che nasconde molte insidie: la realtà di quei problemi apparentemente lievi che fatichiamo ad ignorare e ci ostacolano. Piccolo e grande, leggero e pesante, reale e irreale: questi contrasti caratterizzano “Davvero” sia per sonorità, che per tematiche cantate.

Come dice la stessa cantautrice:”Davvero è assolutamente autobiografica, e rappresenta quell’equilibrio ideale che credo ognuno di noi cerchi di raggiungere. Mi ha sempre colpito una frase di John Lennon: la vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri piani. L’intento era proprio di riflettere questo, prendere la vita alla giornata per quanto non sia facile e ci siano quotidianamente un sacco di sfide

Benedetta Rainaè una cantautrice classe 2001 di Alessandria, collocabile nel panorama musicale dell’indie-pop italiano. Fin da piccola coltiva una grande passione per la musica e nei primi anni delle superiori inizia a scrivere i primi testi e a comporre le prime vere canzoni, prima in inglese e poi, più tardi, in italiano affrontando le tematiche di un’adolescente della generazione z, in bilico tra speranza e sconforto e alla continua ricerca di conferme negli altri. Alla fine del 2018 inizia a collaborare con l’etichetta Noize Hills Records e nel 2019 pubblica “Basta, il suo singolo di debutto. La canzone nasce proprio come il primo esperimento in italiano, come una pronta denuncia di sé, finalmente senza lo schermo di una lingua straniera. Il nuovo singolo “Davvero”.

Licia Nunez al GF Vip 2020

E cosi Licia Nunez va al Grande Fratello Vip. Per lo meno ora potremo dire che un vero Vip c’è. Non un vecchio ricordo del passato, ormai smarrito nel dimenticatoio e portato in Tv per far galleggiare un programma, ma un vero Vip che a un programma può dare freschezza, vitalità, bellezza, interesse.  

Licia Nunez, la controversa Elena Monforte della fiction di canale 5 “Le Tre Rose di Eva”, varcherà la porta della casa più famosa d’Italia nella quarta edizione del Gf Vip l’ 8 gennaio 2020.

Licia Nunez, grazie al suo carattere forte e deciso, sarà un concorrente di grande interesse. Non è da nascondere anche la sua forma fisica sempre sotto gli occhi dei telespettatori. Licia Nunez ha iniziato, non a caso, a lavorare come fotomodella già all’eta di 17 anni. Successivamente si è data agli studi d’arte drammatica e negli anni ha partecipato a trasmissioni come “Incantesino”, la soap opera “Vivere” e al reality di Milly Carlucci “Ballando con le stelle” assieme al ballerino Dmitry Pakhom.

Licia Nunez si prepara ad essere una delle concorrenti più votate del reality condotto da Alfonso Signorini. Dall’8 gennaio si aprono le sfide.