Archivi tag: Il cxarroarmato bianco

Il carroarmato bianco

La donna carroarmato
avanzava come un carro;
andava avanti piano,
ma senza far rumore.
Era come vedere
un fiore tutto bianco,
scivolare lungo il letto di un giardino,
soffiato dal suo vento.

 
Il carroarmato bianco
evitava tutto e tutti,
l’importante era arrivare
dove gli altri non volevano arrivare.
Se davanti c’era un blocco
allora, il carroarmato bianco,
lo spazzava via pian piano:

…sempre dolcemente.

 
In questa lunga marcia
la dolcezza resta Lei.
La donna carroarmato
vedeva la sua mamma
inciampare su una scala
e sedersi su un gradino,
con le ossa mal ridotte.
Chi le passava accanto le diceva:
“Stia tranquilla; si riposi sul gradino,
che poi il male se ne andrà.”
Ma la figlia, avanti piano,
le metteva una mano sulla testa
e col suo sorriso aperto
l’aiutava a rialzarsi in piedi.

“Resta qui, attaccata a me,
anche solo per un pò,
l’importante è che non pensi,
che tutto quanto passa da se,
ma aiutandolo a passare……
……passo, dopo passo
e vedrai tornerai in piedi”.

 
Le gocce della pioggia
non riuscivano ad innondarla
e comunque, accanto a lei,
risplendevano la sua forma:
…la forza del mare.

 
La gente che passava, col suo pensiero spento,
e si trovava avanti il carroarmato bianco
esclamava con amore:
“Buongiorno signora; buongiorno signorina”
sapendo sempre e comunque
che lei non si fermava.

 
La donna carroarmato
ha occhi chiari
e capelli come quelli.
Le fu regalato un fiore,
bianco; resistente;
bello come il sole;
forte come lei……
……lei ce l’ha con sè!