Paola Carrieri: dietro l’ombra di un proiettile

Paola Carrieri, balistica di primo ordine, Consulente Balistico dell’Autorità Giudiziaria e Consulente Balistico per Medici Legali in tutto il sud Italia. E’ ausiliario di Polizia Giudiziaria e collabora a diversi importanti casi in ambito penale; non ultimo è docente di balistica. Fresca di ritorno dalla premiazione che l’ha vista ricevere il premio “Investigation & Forensic Awards!”, riconoscimento alle categorie di professionisti del settore forense da StopSecret – Magazine Tv Eventi. Paola Carrieri è stata premiata come prima eccellenza italiana nel campo della Balistica Forense.

Una professione, la sua, che il pubblico vede ed ama attraverso i film cinematografici, dimenticando che i film stessi nascono grazie a queste professioni meticolose.

Oggi incontriamo Paola per capire meglio in cosa consiste questa sua professione infinita e scoprire anche il suo lato nascosto.

Paola spieghiamo prima al pubblico in cosa consiste il tuo lavoro?

Sono un Balistico. Pertanto il mio lavoro consiste nella ricostruzione degli accadimenti delittuosi interessati dall’uso ed “abuso” di armi da sparo. Per spiegare in che consista il mio lavoro – seppur per sommi capi – devo necessariamente parlare della Balistica. Species del genus criminalistica, è una peculiare tecnica dell’investigazione criminale, probabilmente tra le più ardue delle scienze forensi. Complessa scienza che studia il fenomeno di grevi proiettati da macchine termo- meccaniche, in essa, convergono discipline eterogenee: medicina legale, fisica, chimica, giurisprudenza, merceologia, etc. Di conseguenza, discipline che il balistico necessariamente deve conoscere ed applicare alla propria attività di indagine.

I tradizionalisti, opportunamente, la scompongono in balistica interna (studia i fenomeni fisici, chimici e meccanici nonché ogni elemento che caratterizzi il ciclo dello sparo ed il moto del proietto all’interno dell’arma sino alla sua uscita dal vivo di volata; cosa non semplice se si consideri che si tratti di fenomeni assoggettati a tempi brevissimi, un centesimo di secondo, gongolando tra pressioni e temperature elevatissimi), esterna (attenziona ciò che accade dal momento in cui il proietto abbandona il vivo di volata ed attinge il bersaglio, atteso chè il centro di gravità del proietto sia assoggettato ad “ostilità” imputabili a forza di gravità e resistenza dell’aria) e terminale (quale condotta, quali effetti riferibili al proietto che abbia attinto il bersaglio – insomma, qualcosa di molto affine alla medicina legale se si consideri che la stragrande maggioranza delle volte il bersaglio è un essere umano – scrutando ogni singola variabile – struttura delle superfici e dei materiali interessati, angolo di incidenza, velocità di impatto, energia cinetica, morfologia del proietto, etc. -).

L’evoluzione dei tempi, inoltre, ha comportato che, in ambito investigativo ed, inevitabilmente, anche balistico, siano entrati in gioco moderni software, tecnologie e ben più approfondite competenze in funzione della comprensione, interpretazione, ricostruzione dei fenomeni di interesse dell’autorità giudiziaria. Il che a tutto vantaggio della ricostruzione delle dinamiche omicidiarie o, quantomeno, delittuose, imponendo al balistico la presenza in sede autoptica e nei luoghi interessati dagli accadimenti. Ed, infatti, l’attività investigativa criminalistico-balistica assume un ruolo più che determinante e spesso dirimente; intervenendo nei delicatissimi e primissimi momenti dell’immediato successivo alla commissione del reato, con l’onere di individuare la qualunque che abbia potuto assumente un ruolo all’atto della commissione del fatto e di garantire l’opportuna conservazione dei reperti al fine della successiva attività di indagine in laboratorio ed utilizzo in sede processuale.

All’uopo, e cominciando più opportunamente a dissertare di balistica forense – che assorbe la tradizionale tripartizione – nell’accezione di declinazione delle scienze forensi, rientrano quelle indagini finalizzate a comprendere tecnicamente e scientificamente il chi, cosa, quando, dove e perché dell’accadimento. È suddivisa in svariati ambiti: indagine identificativa di armi e matrice costruttiva delle stesse; indagine comparativa di parti compositive del munizionamento; identificazione di chi sia venuto in contatto con un’arma, attraverso il rilevamento delle GSR; valutazione della distanza dello sparo, mediante il rilevamento dei residui dello sparo; ricostruzione delle traiettorie; esame cadaverico dei fori di ingresso e di uscita nonché dei tramiti intracorporei; esame dei veicoli o danneggiamenti su strutture immobili; esplosivistica; ricostruzione della dinamica.

Vediamo dalle tue pubblicazioni sui social che adori proprio il tuo lavoro. Il pubblico si esalta quando ti vede accanto a foto di proiettili. Tu ti senti più una Charlie’s Algels o una Thelma e Louise?

Dunque. Se la memoria non dovesse ingannarmi, Thelma & Louise erano due fuggiasche a corto di danaro, imbrigliate in relazioni con uomini sessisti o “distratti”. No, non riesco proprio a sentirmi come queste due povere donzelle. Piuttosto, gli Angeli di Charlie erano qualcosa di spettacolare. O, perlomeno, ho questo ricordo abbastanza vago. Dunque, mi sento piuttosto portata ad operare questa scelta (obbligata). Vada per gli Angeli di Charlie. Alla fine della fiera, erano tre donne-detective affascinanti, in grado di maneggiare adeguatamente armi, istruite sui casi ed investite di incarichi investigativi da una voce di un tal Charlie, in un contesto in cui i protagonisti erano soprattutto uomini. E, del pari, sono una donna che indaga, maneggio armi adeguatamente (sì pare), una qualche autorità mi istruisce sui casi in relazione ai quali devo svolgere indagini, conferendomi incarichi, operando in un contesto popolato piuttosto da maschietti. Non credo sia poi un caso che tra le Charlie’s Angels ci sia una biondina con gli occhi chiari…..



Cosa ami di più del tuo lavoro?

Il mio lavoro è in grado di sorprendermi. Ecco cosa amo. Non è monotono. Ogni caso non è mai analogo ad un altro. E mi impone di mettere in discussione la qualunque, perché in questo ambito 1 + 1 non fa necessariamente 2. Non è così scontato. Ed è in questo modo che si giunge anche ad esitare ricostruzioni molto spesso completamente difformi da quelle che in troppi ritenevano fossero papabili. Avendo, ovviamente, il fondamento scientistico a supporto del tutto.

Apprezzo il maneggio delle armi, questo è più che evidente, altrimenti avrei fatto tutt’altro nella vita. Ma maneggiare armi “cattive”, armi che hanno ucciso e che sono tenuta a testare, esaminare, dissasemblare, a conviverci per un bel lasso di tempo, annette alla mia attività qualcosa di affascinante, certamente, ma al contempo aleatorio, pericoloso. Nulla è reiterato, nel mio lavoro. Nulla si ripete. Per via dell’approccio e dell’attività d’indagine svolta, per la dinamica, per ciò che in fondo al cuore resta, quando, ormai depositata la perizia o consulenza, ci si può permettere di essere “umani”.

Grazie ai tuoi studi hai avuto modo di collaborare con personalità di spicco della criminologia?

Si. Ho avuto modo di conoscere, dapprima per questioni formative (quando ero fanciulla), e successivamente di collaborare con personalità note al mondo della criminalistica , piuttosto che della criminologia. Grandi che ho incontrato nel momento giusto della mia carriera e che mi hanno trasmesso davvero tanto, sorprendendomi con l’umiltà che è tipica davvero dei giganti. Taccio in merito ai nomi, ma loro sanno perfettamente che questo passaggio è una risposta pensandoli con affetto.

Ti immaginiamo sempre in tuta mimetica o da agente speciale, ma come ti piace vestirti al di fuori del lavoro?

Carissimo Claudio, mi hanno denominata “il balistico sui tacchi a spillo”. Un motivo ci sarà. Se è vero, com’è vero, che testo armi con il tacco rigorosamente 12 , prova ad immaginare cosa io possa indossare oltre il lavoro. Sono una Donna, mi piace essere tale. E femminile. E sentirmi femminile.



Hai un ricordo più vivido del tuo lavoro?

Ovviamente, ne ho. Ed anche tanti. Magari incomprensibili ai troppi. Io credo che il bene ed il male da cui questo mondo sia composto, siano due facce della stessa medaglia. Amiamo e soffriamo, a grandi linee, nella stessa maniera per gli affetti che perdiamo . Ricordo un uomo, appena trentenne, bei lineamenti, quasi angelici. Era diventato padre da poco. Di una bambina. Si stava recando al mercato del pesce, lavorava lì e non si erano fatte nemmeno le sette del mattino. Era nel posto sbagliato al momento sbagliato. E’ stato freddato mentre beveva un caffè. Ah, la mala! Ricordo, poi, un altro uomo. Un po’ più in là dei 30 anni. Con lineamenti abbastanza scolpiti, quasi incattiviti. Era padre. Di più figli. A “modo suo”, eseguiva un lavoro. E’ stato freddato in un regolamento di conti. Eh già, la mala. Ora ricordo le famiglie di entrambi, allo stesso posto sedute. Alla stessa maniera disperate.

Hai un sogno speciale da realizzare?

Per tutti i sogni che mi frullano per la testa, credo che questa vita non basti.

Purtuttavia, il sogno al momento preminente è l’avere un erede. Non necessariamente un figlio, non mi riferisco alla prole, che resta una benedizione; ma un erede. Mi spiego meglio. Sogno che, da oggi a 100 anni, qualcuno, al di là di quelli che sono già i miei attuali collaboratori, possa portare avanti il mio centro balistico. Che sia un figlio o semplicemente un allievo, mi piacerebbe che il mio Centro Balistico avesse un seguito.

Che musica ti piace ascoltare?

Bene, bene, considerando che misi piede in radio da giovanissma, ascolto praticamente la qualunque. Al momento, però, prediligo qualcosa di “sostenuto”, soprattutto quando non abbia il caffè a portata di mano. In modo da potermi “caricare” a dovere.

Le tue vacanze preferite?

Vacanze? Che sono? Si mangiano? Sarei scontanta se asserissi che le mie vacanze preferite son quelle che trascorro a casa mia? Con la spiaggia a due passi e la quiete di un paesino poco popolato. Giro fin troppo per lavoro. Quindi, appena posso, il mio relax è a casa mia. Oziando, cucinando, invitando gente. Però non ti nascondo che sto valutando un lungo viaggetto all’estero. Chissà!



Se dico :”L’Amore è…..”, cosa rispondi?

La gente lo sottovaluta. Ad oggi, si ha l’illusione che chi non ami, sia un “duro”. Un soggetto che non deve chiedere mai. Uno che si basti da solo. Che se la sbrigi da solo. Che si organizzi il proprio tempo libero da solo. E che poi si fa una festa a sorpresa da solo, si sveglia la mattina di Natale da solo, si coccoli da solo, ceni da solo, si addormenti da solo….Mah! Nella maggior parte dei casi, nasciamo per un atto d’amore, dunque non comprendo tutto questo voler apparire soli e forti. Chi non ama per “moda”, per par condicio dovrebbe non essere nemmeno amato. Mi pare un giusto equilibrio. Per me, l’amore è la mia famiglia. Concetto atavico. Ma rivoluzionario, credo.

Cosa pensi del crimine? Ce n’è ancora troppo?

Se ce n’è ancora troppo? Beh, esaminiamo SOLO Il fenomeno della mafia in Capitanata. La criminalità “disorganizzata”, un pò come la camorra. Ma crudele.
Esistono ben 28 clan….Welcome to PUGLIA!
In cima c’è la “Società”, la mafia dei mitici anni ’80. Dapprima verticistica, da decenni ormai divisa in diverse “batterie”. Il clan Sinesi/Francavilla, rivale dei Moretti/Pellegrino/Lanza, per esigenze “logistiche” avrebbe stretto un sodalizio con il clan Trisciuoglio/Mansueto/Prencipe; però prima si sparacchiavano addosso. Il gruppo Francavilla, in contatto con la criminalità organizzata di San Severo. E poi il clan Trisciuoglio/Prencipe/Mansueto (in realtà, Mansueto è stato ammazzato nel 2011, ma nessuno ha visto niente…) alleato con il gruppo Romito. In realtà quello che una volta era il clan Trisciuoglio/Prencipe coinvolto nella guerra del 2002-2003 con i rivali Sinesi/Francavilla (la più cruenta delle 7 guerre di mafia con 14 omicidi e 4 agguati falliti in 15 mesi), si è poi trasformato dal 2006 nel clan Trisciuoglio/Tolonese.

Nell’organigramma della «Società» c’è infine il clan Moretti/Pellegrino/Lanza contrapposto ai clan Sinesi/Francavilla e Trisciuoglio/Prencipe/Mansueto.
Su Cerignola, opera il gruppo ex Piarulli-Ferraro (Ferraro è morto in carcere anni e anni fa). E su Cerignola dove opera anche il clan Di Tommaso (il capo-clan fu ucciso anni fa e non si hanno notizie giudiziarie sull’attività del presunto gruppo….e meno male!). Nel basso Tavoliere opera il gruppo Gaeta; il clan Gaeta fu al centro dell’inchiesta «Veleno» del settembre 2007 con circa 60 arresti e il processo che ha però ridimensionato l’impostazione accusatoria: assoluzioni per mafia (si parlava anche di ecomafia e di condizionamento della vita amministrativa) e qualche condanna per droga e truffa all’Inps. E sempre nel basso Tavoliere, ci sono il gruppo Masciavè e il clan Gallone di Trinitapoli, che sarebbe attivo nel settore droga.


Su Lucera opera il gruppo Tedesco, in guerra con il clan Bayan-Papa-Ricci.
Nell’alto Tavoliere operano: Salvatore ex Campanaro,in sinergia con il gruppo Testa-Bredice, ex Palumbo (Severino Palumbo fu ucciso nel 2015…e pure Campanaro) che mantiene contatti i Francavilla, Testa/Bredice, Russi, DAloia/Di Summa, operante soprattutto nella zona di San Marco in Lamis, al pari del gruppo Cursio/Padula originario di Apricena.
Sul Gargano labbiamo il gruppo Alfieri/Primosa/Basta, il clan «Libergolis (la cuo potenza egemone è stata ridotta a seguito del maxiprocesso alla mafia garganica) di recente “bisticcia”con il clan Romito di Manfredonia, prima suo alleato.


E poi, e poi…il gruppo Romito (uscito indenne dal maxi-processo alla mafia garganica con una serie di assoluzioni, i gruppi Gentile, Ricucci, Notarangelo, (Angelo Notarangelo «cintaridd’» fu ucciso in un agguato di Mafia alle porte di Vieste nel gennaio 2015), Frattaruolo, Prencipe.
Tra San Marco in Lamis e Rignano opererebbero il gruppo Martino ed rivali Di Claudio-Mancini. Ed il clan Ciavarrella.
Penso di averli menzionati tutti…. Ce n’è ancora troppo?


E sulle violenze alle donne?

E’ qualcosa di semplicemente aberrante. Non ripeterò slogan da più parti ventilati. Credo che ad oggi viviamo in una società che vanti un elevato sommerso di casi di violenza agita su donne. Donne che spesso si sentono inadeguate, non solo per ciò che vivono ma anche e soprattutto per il fatto che vengano lasciate sole. E non solo dalle istituzioni. E’ impensabile che queste donne siano completamente sole. E che nessuno, tra parenti ed amici , si renda conto dell’inferno che la donna viva. Inoltre, i numerosi fatti di cronaca, rendono noto che anche tra le vittime che avevano denunciato, non si è affatto agito in tempo. Ma resta il fatto che la denuncia è l’unico strumento per chiedere aiuto! Per esaminare il fenomeno in prospettiva della mia competenza, è risultato che l’uso di armi da fuoco sia semplicemente secondo all’uso di armi bianche. Probabilmente perché, nella disponibilità dell’offender, hanno un maggiore effetto intimidatorio, un distacco dalla vittima ed, in alcuni casi, l’utilizzabilità contro l’offender stesso. La pressione sul grilletto “abbrevia” drammaticamente e drasticamente il percorso tra ideazione d’attuazione, non consente sufficienti tempi di riflessione nella fase istintiva ed emotiva. Resta inoltre il fatto, altrettanto drammatico, che le vere vittime di violenza restino anche vittime di altre donne che si travestono, a loro volta, da vittime, ma di fatto sono false vittime di violenza.

Paola ti ringrazio per questo meraviglioso viaggio nella tua professione e in parte nella tua vita, diciamo cosi…..più serena.

Grazie a te e un saluto a tutti i lettori.

Ecco chi sono gli Avvocati più temuti

Ecco la lista degli avvocati più temuti. Tutto sembra un film per il cinema, ma esistono veramente. Mettete questi avvocati insieme e scatenano l’inferno.

Roy Marcus Cohn “l’avvocato Manipolatore”, Luca Di Carlo “L’avvocato del Diavolo”, Gilbert Collard “l’avvocato Money”, Sven Mary l’avvocato dei Delinquenti”, Keith Schilling “l’avvocato Rottweiler”.

Loro sono la perfezione, perfettamente persi negli abissi della follia, urlano, piangono, ridono, di- sprezzano, amano, fanno spettacolo e sono spettacolari senza saperlo, vanno oltre. Gli avvocati veri sono folli sono dei Joker come nel film Joker interpretato dall’attore statunitense Joaquin Phoenix diretto da Todd Phillips e prodotto da Warner Bros. Pictures e DC Comics.

Roy Marcus Cohn, avvocato degli Stati Uniti d’America, è il potere oscuro, per oltre un quarantennio l’avvocato più manipolatore e temuto d’America, da The New York Times, e il suo vantato disprezzo per la gente e per la legge, sono ben noti in patria.“Dov’è il mio Roy Cohn?” invocò ad alta voce Donald Trump presidente Stati Uniti d’America quando i federali avviarono l’indagine sulle interferenze rus- se nelle elezioni del 2016. Roy Marcus Cohn “avvocato manipolatore”.

Luca Di Carlo avvocato dell’Italia, celebre con lo pseudonimo “L’avvocato del Diavolo” è il più giovane e il più diabolico, esperto in diritto penale ed internazionale penale, è l’avvocato più pagato con dei cachet stellari, da Wall Street. Luca Di Carlo attualmente è ritenuto l’avvocato più po- tente e temuto tanto da guadagnarsi la fama ed il so- prannome di “L’Avvocato del Diavolo”. Qualcuno si domanda se è l’avvocato del diavolo o proprio il diavolo in persona. Ha difeso l’icona Ilona Staller ex attrice hard ed ex deputata al parlamento italiano, Jeff koons l’artista americano più pagato al mondo, i Clan più diffamati, ed tanti altri. Difensore dei diritti degli animali ha sempre affermato: ” La mia vita non è più importante delle altre vite”. Nota una sua frase: “I pugili migliori sono quelli che ven- gono dalla strada così come gli avvocati”.

Sven Mary avvocato del Belgio di Salah Abdeslam il più famoso terrorista d’Europa, un penalista molto conosciuto e discusso per aver difeso in passato anche altri jihadisti, da Libération. Sven Mary Si è guadagnato il soprannome di l’«avocat des crapules», “l’avvocato dei delinquenti”, dei peggiori tipi in circolazione, degli indifendibili.

Gilbert Collard “l’avvocato Money” della Francia ha preso i primi posti fra gli avvocati più pa- gati nel 2019, da People With Mo- ney, con un fattu- rato stimato di 58 milioni dollari.

Keith Schilling avvocato d’Inghilterra. Il legale sessantatreenne, per la veemenza con cui combatte in aula per difendere la privacy e la reputazione dei suoi clienti Vip, s’è guadagnato il soprannome di “avvocato rottweiler”, da Time e The Economist. Ha difeso la reputazione e la privacy di celebrity Meghan Markle il principe Harry della Royal Family d’In- ghilterra.

L’Avvocato del Diavolo verso il Quirinale

Luca Di Carlo, l’avvocato delle Star, fra cui Ilona Staller, Pamela Andérson, Paris Hilton, pizzicato in compagnia di un agente speciale. In discussione una lettera in partenza verso il Quirinale. Ma perchè la presenza dei servizi speciali?

Si è abituati a leggere articoli riguardanti l’Avvocato Luca Di Carlo quasi sempre legati al mondo dello spettacolo, ma questa volta l’avvocato è stato “beccato” nella cosidetta “zona rossa” in compagnia di una persona in divisa. Avvicinato dal nostro redattore, l’avvocato ha accennato ad una misteriosa lettera indirizzata al Quirinale.

Difficile vederlo a Roma….più facile incontrarlo a Milano, negli studi Mediaset, in compagnia di Barbara D’Urso a discutere di vitalizi o ,ultimamente, dei guai del figlio dell’icona del sesso ed ex-parlamentare Ilona Staller. L’avvocato era seduto in un bar di via XIV Maggio, proprio accanto a noi e dopo una discussione semplice con questo agente misterioso sentiamo più volte accennare al Quirinale e da qui interveniamo in modo garbato a “pizzicare” la situazione.

Il tema era una lettera che dovrebbe arrivare al Palazzo del Presidente della Repubblica. Dopo esserci presentati come Agorà Magazine ed aver iniziato la nostra breve interferenza, che sottolineava come avessimo sentito parlare i due protagonisti di questa vicenda, l’avvocato Di Carlo ha risposto cosi:

“Nulla di che, è solo un documento con una base importante al suo interno che invieremo al Capo dello Stato”.

Ma riguarda il Presidente della Repubblica?

“No, no, siete gentili, ma ho già risposto troppo”.

Possiamo solo sapere come mai la presenza di questo agente, che abbiamo capito facente parte di reparti speciali?

“No comment. Ripeto, siete gentilissimi e adoro come fate il vostro lavoro, ma adesso purtroppo sono impegnatissimo e non mi è possibile rispondere”.

Poi interviene brevemente l’agente con un secco:”Per favore!”

Una situazione meravigliosa:…l’avvocato del Diavolo, sempre attivo dietro le bellezze internazionali, in questo poeriodo interessato anche all’Isola dei Famosi, vederlo oggi in una situazione da Agente Segreto è davvero Top.

Il fatto che l’Avvocato Di Carlo sia dentro discussioni lontane dal mondo del gossip è già di per sé strano, ma vederlo serio e dentro ad argomenti legati ad alte istituzioni dello Stato rende sicuramente il fatto non trascurabile.

Rimangono sempre aperte due questioni:

1) Di cosa parla la lettera che dovrebbe arrivare al Capo dello Stato?

2) Come mai la presenza di un agente speciale?

3) La questione riguarda per caso anche l’Ungheria, città natale di Ilona Staller?

Resta comunque interessante trovare il cosiddetto “Avvocato del Diavolo” in una situazione del genere.

Il “Dolore” di Paola Lusuardi – Recensione

Basta solo un’occhiata per capire cosa si proverà ad osservare questo dipinto.
Sembra un gioco di parole, ma invece è la pura realtà. In questo lavoro Paola Lusuardi riporta il dolore che un uomo può portarsi dentro all’infinito, se non aiutato a superarlo. La sofferenza di un bambino, visto da un uomo adulto, o la sofferenza di un uomo, che rivede il suo passato sofferto da bambino, ma anche la sofferenza dell’adolescenza mondiale, dimenticata dall’uomo.

Sono molti gli aspetti che può prendere per mano quest’opera, sicuramente è molto forte e merita di essere sofferta.
Una piccola immagine riflessa, resa gigante dall’occhio che non può non vedere…..assorbire….ricordare tutto.
Un dipinto potente, che racchiude in sé tutto ciò che fa male e una richiesta d’aiuto.

Padre, madre, figlio, figlia, uomo, donna….un unico sguardo!

Danti feat Nina Zilli e J-Ax? Per me è NO

Dopo l’uscita in radio del singolo “Tu e d’io” di Danti feat. Nina Zilli e J-Ax, è online il videoclip ufficiale, con la partecipazione speciale di Maccio Capatonda.


Dato come brano che spopola in radio, mi sento di criticare questa affermazione in quanto stando sulle radio prettamente di musica italiana non credo di aver sentito ancora questo brano. Non solo, ma vedendo il video la svogliatezza di seguire il brano, e lo stesso video, aumenta. Perchè questo? Perchè il video è troppo prevedibile e le cose prevedibili distruggono un evento.


E’ vero che il video si rifà ad un vecchio film comico degli anni 80, “Weekend con il morto”, ma la riuscita di un video avviene anche attraverso i dialoghi contenuti in esso e qui sono prevedibili, recitati in modo superficiale, in fretta e furia.
Il video è abbracciato in pieno dal brano stesso. La continua ricerca di duetti o terzetti forzati che non hanno nulla in comune fra loro. La tranquillità e melodia di Nina Zilli con la voce troppo veloce, forzata di J-Ax.


Per me è NO!
Questo stona ancora di più con le dichiarazioni di Danti, che sottolinea come questo brano sia per lui una cosa speciale. Il cantante descrive cosi la nascita di “Tu e d’io”:

“Volevo iniziare questo percorso da direttore artistico partendo alla grande e per questo ho chiesto aiuto a due dei miei artisti preferiti oltre che due grandi amici, Ax e Nina Zilli, che hanno interpretato il brano meglio ancora di come lo immaginavo. Quando fai questo lavoro vuoi o non vuoi l’input o il concept spesso arrivano dall’artista con cui stai lavorando, per questo progetto invece ho ripreso a scrivere in piena libertà … successivamente ho cercato chi meglio potesse interpretare i miei pensieri. Io credo che le canzoni siano come i vestiti, ognuno ha il suo e quando trovi chi le sa indossare e valorizzare allora scatta la magia. Io non faccio canzoni belle che possono cantare tutti, faccio vestiti giusti che stanno bene solo a chi li sa indossare”.

VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=eYugpMbBIt4

“Momenti Perfetti” – Recensione

Un viaggio in treno, da soli, a guardare la natura dal finestrino. Malinconia nel pensare al proprio amore. Il viaggio del proprio pensiero nell’universo.

Una colonna sonora fantastica, che accarezza l’ascoltatore in modo potente e delicato, come l’abbraccio migliore di tutta la vita.

L’amore che ti stringe e ti scalda, vissuto nella giusta maniera, con la sua parte felice e malinconica, cosi da renderlo il più maturo possibile.

La canzone è un viaggio mentale che l’ascoltatore non può non seguire, perchè viene catturato nell’immediato dalla canzone stessa, che lo porta a percorrere la sua storia d’amore migliore: i suoi “Momenti Perfetti”,

Bellissimo ascoltare questo brano di Giusy Ferreri, come un bacio di fine estate…..aspettando domani.

https://youtu.be/un3-652wk_E

Dj Elena Tanz accende la Dance

Intervista alla Dj Elena Tanz. Quando la migliore Dance si riprende il suo spazio è sempre una cosa fantastica. La Dance, quella che tiene per mano gli anni 90 a quelli attuali, accomuna tutti. Facciamola suonare a chi lo sa fare.

Elena Tanz, DJ e proprietaria della Label Epoque, società che si occupa di Musica, spettacoli e contenuti multimediali. Non una semplice Etichetta discografica, ma avvolge la musica quasi a 360°. Produce Elena Tanz, con impronta dance e italo dance, e CarpYcorn, label e format techno sperimentale. Ecco la sua esperienza nel mondo della Disco Dance.

Elena quando hai iniziato a mixare?

Avevo quasi 17 anni… Fino a quell’età avevo guardato con passione i dj della radio in cui lavoravo, che lo facevano, e sognavo di poterlo fare anche io un giorno… Poi, uno di loro, vedendo il mio interesse, decise di insegnarmelo, e da quel momento non ho più smesso.

Se dico “Technics”, cosa ti ricorda?

I giradischi, i 1210, quelli con cui ho iniziato e che tuttora posseggo. Sono delle vere e proprie macchine da combattimento, non si rompono mai!!!

Come hai vissuto il passaggio fra il mixaggio con i vinili e quello attuale?

In modo tragico!!! Ero già nel team artistico di Gigi D’Agostino, per un periodo ho continuato a suonare con i vinili, poi piano piano mi sono adeguata, più che altro per una questione logistica e per poter proporre Musica che esiste solo in file. Per fortuna anche i lettori digitali hanno la modalità “vinile” e quindi, anche se non è la stessa cosa, posso mantenere i vecchi rituali e la stessa gestualità.

L’analogico ha tutta un’altra “sensibilità”, e ammetto che non sia stato facile il passaggio ai cd e alle chiavette, decisamente più grossolano e scontato.

Quale genere disco ti piace di più?

Ascolto quasi tutti i generi e non amo classificare la Musica. Per me esistono le canzoni che emozionano e quelle che non mi lasciano il segno… a prescindere dal genere a cui appartengono. Ad ogni modo, se devo identificarmi in un genere, quello che amo, direi ad occhi chiusi la Musica Dance…. tutta, dal passato al presente.

Uscendo dal genere dance, quale cantante italiano ti piace di più?

Ce ne sono tanti. Mi piacciono molto i Tiromancino, sia per i testi che per il modo di cantare. Ultimamente mi sta prendendo anche Levante; trovo che le sue canzoni raccolgano dei bei significati e la sua Musica è molto particolare, e mi piace molto anche come si esprime sui social network. Ormai le varie piattaforme online sono diventate quasi complementari.

Cosa pensi del Rap-Trap italiano?

E’ un genere che non mi affascina. In generale mi annoia, lo trovo ripetitivo, con inglesismi usati a sproposito e con il male di vivere di base. La costante rivalsa o sfida non sono argomenti che mi attirano, quindi non lo seguo. La vita è bella e le difficoltà ne fanno parte, aiutano solo ad essere più sensibili.

Lavori anche all’estero, dove di solito?

Ho suonato spesso fuori confine… Austria, Francia, Spagna… negli ultimi anni sto concentrando i live soprattutto in Italia, ma la Musica che produco arriva un po’ dappertutto. Una cosa bella delle piattaforme digitali e di internet è scoprire che una tua canzone è stata streammata, ad esempio, in Guatemala o comprata in Cina, Downloadata in Sud Africa… insomma, è bello sapere che può arrivare cosi facilmente ovunque.

Le vacanze come le passi? Dove ti piace rilassarti?

Ho un concetto un po’ strano di vacanza. Faccio fatica a prendermi, che ne so, una settimana intera lontana dalla mia “Dimensione”. Non sono il tipo. Dopo due giorni lontana, tipo alle Maldive, credo che starei già malissimo. Diciamo che ho plasmato il mio quotidiano in modo tale da avere i giusti spazi di lavoro, relax e creatività. Abito in un posticino sul lago d’Iseo che è un paradiso, li mi ritaglio i miei momenti in cui trovo energie, colori, creatività, idee… insomma, tutto ciò che per me è equilibrio.

Sicuramente i miei due gatti Ettore e Vittoria sono una componente essenziale del mio benessere.

Un tuo sogno da realizzare?

Questa domanda mi ha messo in difficoltà, perché ne ho talmente tanti che potrei riempire pagine.

Sicuramente il Sogno a cui tengo di più è quello di potermi esprimere con la Musica, raccontare ciò che sento e riuscire a farlo veramente com’è nella mia testa. E’ una continua evoluzione, una crescita, molto lontana dal idea abituale di successo. Quindi diciamo che vivo dentro ad un sogno che è in costante divenire. E per questo ne sono grata.

Ti ringraziamo Elena per la tua disponibilità a farci partecipi della tua e nostra passione e per tenerla in alto come pochi sanno fare, senza correre dietro alle mode.

Grazie a tutti Voi.

Elena Tanz – il Video: https://youtu.be/VaoySiG7mqI

Halloween colpisce il Billabà

Bello, originale, breve e non monotono, è questo il primo video horror del web che scalda l’atmosfera del pre-Halloween. Il percorso oscuro, le immagini macabre di fantasmi mostruosi, scene orribili, che si manifestano negli occhi della gente. Non poteva mancare la suora assassina, la carnivora col crocefisso insanguinato.

Le canzoncine dei migliori film horror. Il video risulta il primo ad aprire la strada verso la notte bergamasca di Halloween. Inserita anche la presenza del clown IT .

E’ la zona bergamasca ad essere inserita nel video, nello specifico all’interno del Bar-Gelateria Billabà di Cavernago. Il video è girato e montato dal “regista” Francesco Pala, con la partecipazione di Ambra, Sonia, Marica Defendi ed Irene Valoti.

Lontano dai video amatoriali, questa produzione è un vero trailer vicino alla perfezione. Un invito a vivere la serata con paura, tensione, il giusto mix che ci dev’essere in una notte di macabre sorprese.

https://youtu.be/qelRu42bKb4

Sara Tommasi usata senza vergogna

Il nome di Sara Tommasi ritorna spesso nei titoli di magazine di spettacolo online o simili, ma guarda caso sono sempre articoli pilotati, pre-preparati dallo “staff” del blog di Debora Cattoni, la donna conoscente della stessa Sara Tommasi e di cui si dice manager.

Articoli che partono con notizie bomba tipo: “Sara Tommasi si è fidanzata. Sara Tommasi è incinta, poi no…..ha abortito. Sara Tommasi verso il matrimonio, no….ora è ancora single”, per poi cambiare subito argomento e parlare assolutamente della autoproclamatasi manager Debora Cattoni.

L’ultima notizia bomba, quella in cui si informava(ma informava chi se non interessa a nessuno?) che Sara Tommasi aveva rinunciato alla maternità, ha incontrato il forte dubbio del Magazine Dagospia il quale l’ha definita una possibile “caltagironata”, per attirare l’attenzione sull’articolo. E di chi parla l’articolo? E’ un’intervista alla Cattoni.

Ma cosa c’entra continuare a menzionare Sara Tommani se poi si parla di se stessi?

Se Sara Tommasi non sta bene o si sta curando, perchè non la lasciamo in pace invece di sfruttare il suo nome per pubblicizzarsi?

Partendo dal presupposto che una manager non è manager perchè amica di qualcuno, ma deve saperlo fare questo lavoro, che consiste nel valorizzare la figura del suo assistito e le sue capacità e non utilizzare il nome del suo assistito per auto-elogiarsi. Questo è essere manager?

Il dubbio che qualcosa non andava in questo uso improprio della Tommasi è nato già qualche anno fa, quando uscivano articoli con il suo nome nel titolo, ma poi gli articoli non erano altro che un’intervista alla “manager”, la quale sottolineava sempre:“Sara si sta riprendendo grazie alla mia amicizia e a me che le sono da manager e questi sono i miei progetti….”

Si…non per la Tommasi, ma progetti per la Cattoni.

Basta inserire il nome di Sara Tommasi nei motori di ricerca per poter accorgersi che il nome di Debora Cattoni è presente in modo molto invasivo negli articoli a seguire.

E poi parliamo di manager? Ma un manager prepara e organizza la vita pubblica del suo assistito, non di se stesso. Da ricordare poi che quasi tutti gli articoli dove la manager Cattoni presenta le sue manifestazioni sono un fake atroce, assurdi, da basso rilievo; un falso di non autore. Qualche esempio?

05 Luglio 2019 “Debora Cattoni non è più la manager di Sara Tommasi”

18 Luglio 2019 “Sara Tommasi ha interrotto la gravidanza, lo rivela la sua manager Debora Cattoni”

Attenzione, articoli che poi risultano essere un’intervista alla Cattoni!

Come abbiamo detto anche Dagospia ha espresso il dubbio che queste notizie fossero un fake e la manager Cattoni non ha tardato a rispondere “Sara Tommasi non ha bisogno di pubblicità”

Qualcosa non torna. Ma se Sara Tommasi non ha bisogno di pubblicità, perchè si usa il suo nome a sproposito?

Un altro articolo falso è quello del 2017 (poi un silenzio di un anno, forse perchè non si sapeva inventare altro) dal titolo “Debora Cattoni e l’uomo segreto in casa sua. E’ forse l’attore Keanu Reeves?”-“La blogger ed attrice Debora Cattoni incontra Sara Tommasi, assieme al suo nuovo amore, nel suo appartamento in Umbria e scoppia………”

Un articolo falso, preparato per fare notizia, anche perchè l’ho scritto io ai tempi della mia breve collaborazione con la “manager” della Tommasi. Poi ho capito che qualcosa non andava.

Notare anche articoli d’intervista alla “manager”, ma che portano titoli che non c’entrano nulla col contenuto, tipo:

“Sara Tommasi si sposa. Debora Cattoni sarà la sua damigella”

Questo articolo risulta pure autoprodotto e scritto sul blog della Cattoni stessa – SelfieMadeGirl.

Luglio 2017 “Sara Tommasi e la manager Debora Cattoni al festival del cinema di Venezia”…..Peccato che Sara Tommasi non c’era. La Cattoni si.

Agosto 2019 “Sara Tommasi si lascia con il fidanzato e va a Venezia assieme alla sua manager Debora Cattoni”. Peccato che Sara Tommasi non c’era.

Luglio 2017 “Prova superata per la prova bikini di Sara Tommasi e Debora Cattoni”

Luglio 2017 “Feltre pronta ad esplodere sotto il rombo Lamborghini. Presenti Sara Tommasi ecc.” Evento mai avvenuto.

Ora ci si chiede davvero se sto nome SARA TOMMASI non sia davvero spudoratamente usato per i propri fini, senza vergogna, ma per farsi strada dove non è possibile entrare a causa di incompetenza in questo lavoro lavoro. Non si lavora per nome di amici, ma per capacità propria.

Ma a colpire il lettore, nel leggere gli articoli citati e molti altri, è anche il come si presenta la “manager” al pubblico. Partiamo dal presupposto che un manager con un minimo d’esperienza lavora dietro le quinte e il lavoro lo fa bene e il suo curriculum è vero.

Ora vediamo come si presenta chi usa sempre il nome SARA TOMMASI per farsi vedere:

Debora Cattoni si presenta sempre cosi nei “suoi” articoli:“La donna da ricercare, che nasconde i suoi contatti segreti, ma che ormai è chiaro sia un modello prezioso per il mondo dell’informazione e del gossip cinematografico e del mondo della moda. Attrice, manager, modella, blogger che ha fatto crescere il suo magazine in modo esponenziale al punto che tutte le personalità intervistate all’interno del magazine stesso sono Vip conosciuti personalmente e che giorno dopo giorno vogliono apparire nel magazine stesso, stiamo parlando di Selfie Made Girl.

Una delle poche manager italiane che si occupa di web reputation per grandi personaggi dello spettacolo. Sara Tommasi è nella sua scuderia. Ha trasformato la sua grande amicizia con Sara in un brillante rapporto di lavoro ed oggi infatti ne è la manager.”

Queste presentazioni le troviamo in articoli che portano nei titoli il nome Sara Tommasi.

Allora ci ri-chiediamo:”Ma cosa c’entra continuare a menzionare Sara Tommasi nei titoli di notizie di spettacolo se poi si parla di se stessi? Non è un modo sfacciato di usare un nome altisonante per farsi vedere?”

Poi gli eventi fantasma di questa “manager”:

Dimenticavamo la notizia più trash e falsa che la manager Cattoni aveva fatto pubblicare dai suoi collaboratori, tra i quali io, che informava di una serata evento al Twiga di Flavio Briatore, notizia accompagnata già dalla stampa della locandina e dalla notizia degli ospiti, fra cui SARA TOMMASI.

Peccato che in quei giorni avevo preso contatto con la vera manager della presentatrice Adriana Volpe, per organizzare un’intervista, ma mi sentivo dire, tramite mail, che Adriana Volpe rifiutava la mia intervista in quanto aveva sentito telefonicamente Flavio Briatore, suo amico, il quale smentiva l’esistenza di un party nel suo locale e che non ne sapeva assolutamente nulla.

Avvertita la Cattoni di questa cosa e chieste spiegazioni arrivavano i primi tremori:”No, no, c’è stato un fraintendimento….cancellate gli articoli dal web.”

Si, perchè qui si rischiava una denuncia.

Poi il film con Mickey Rourke -“The cheat on the run” un film dichiarato Hollywoodiano e di cui la “manager” Debora Cattoni era presentata come la protagonista. Anche qui locandine pronte, esaltazione al massimo e……………….Il film non esiste.

Ma ci si chiede ancora”Ma cosa c’entra continuare a menzionare Sara Tommasi nei titoli di notizie fake di spettacolo se poi si parla di se stessi?”

La vogliamo smettere di usare la dolcissima e semplice Sara Tommasi per i propri giochini?

Alla fine si sentiranno più manager della “manager” i lettori di questo articolo.

“C’est la vie” di Achille Lauro

C’est la vie di Achille Lauro

Colpisce subito la sofferenza dell’amore, perchè l’amore è bello, ma può essere anche la sofferenza di non poter stare assieme.

“C’est la vie” è la nuova storia d’amore di Achille Lauro, raccontata in musica, che colpisce al cuore l’ascoltatore.

L’amore che vuoi, ma che non vuole lui o l’amore che ti vuole e tu condividi, ma non puoi stagli vicino…….la vita è cosi….c’est la vie.

Lauro soffre in questa storia tremenda d’amore, passionale, infinita, immortale, ma che è una lotta continua per non spegnere l’amore stesso che l’ha creata.

Cosi è l’amore vero, nasce, lo vivi, ma di fronte al potere della vita devi solo sperare che non finisca mai o finisca bene.

Un brano profondo, che merita e che nella sua drammaticità…splende!